Category Archives: Senza categoria

Come arrivare

In Auto: Tramite autostrada è raggiungibile dal sud, attraverso Autosole A1, fino a Firenze, e poi attraverso la Firenze Mare A11 e la Livorno-Genova A12. Dal Nord attraverso Autosole A1 fino a Parma e poi l’autostrada della Cisa A15 fino a S. Stefano, e quindi A12 Genova-Livorno. Casello di uscita: Viareggio.

In Aereo:

Aereoporto Internazionale di Pisa a pochi minuti di viaggio, taxi, bus di linea e treni in coincidenza dall’aeroporto diretti sulla costa con fermate in tutti i paesi principali.

In Treno:

Linea: Ventimiglia – Torino – Genova – Pisa – Firenze – Roma
Linea : Genova – Parma – Bologna
Linea : Livorno – Milano
Stazione di arrivo: Viareggio

Trovaci online

Il Parco naturale

Non è difficile riuscire a coniugare la vacanza con la scoperta di una natura ancora incontaminata.

Il primo itinerario inizia da quella Tenuta di San Rossore. Posta ai margini di Pisa, fino a pochi anni fa faceva parte del patrimonio della Presidenza della Repubblica ed oggi è di proprietà della Regione Toscana.

Cose da vedere in San Rossore ce ne sono a migliaia. Le grandi pinete, i boschi mesofili (con le radici nell’acqua) di farnie, frassini, olmi e ontani, i daini, i cinghiali, i gruccioni che nidificano nella sabbia da maggio a luglio, le garzette, le lame (zone palustri), i fossi e i canali di bonifica.

Gli edifici storici in stile piemontese fatti costruire dai Savoia, le dune. Da non perdere le spiagge selvagge, assolutamente incontaminate e pressochè deserte. La Tenuta è aperta al pubblico la domenica ed i giorni festivi. Visite guidate a cavallo e in carrozza su prenotazione.

A piedi o in bicicletta, o in trenino, che permette di effettuare la visita più lunga e completa della tenuta (30 chilometri circa). Info: www.parcosanrossore.it, o meglio www.sanrossore.it

Il Lago di Massaciuccoli è invece tra le più rinomate località ornitologiche italiane fin dal 1800. Nel corso di oltre 120 anni di osservazioni, studi e ricerche compiute dai più famosi ornitologi e naturalisti italiani sono state osservate circa 300 differenti specie di uccelli, e non solo quelle legate agli ambienti umidi.

A causa della sua particolare posizione, eccezionale per il transito e la sosta degli uccelli migratori, il lago e la Riserva ospitano moltissime specie in tutte le stagioni. Nel paese di Massaciuccoli, arrivando quindi da Massarosa e non da Torre del Lago, vi è un’organizzatissima Oasi della LIPU che è attrezzata con camminamenti a palafitta e torrette d’osservazione e che propone diverse possibilità di escursione sull’acqua, in battello, in barchino o in canoe.Info www.oasilipumassaciuccoli.org.

Per quelli invece più pigri, dalle sponde di Torre parte un servizio di navigazione sul lago comunque molto suggestivo. Info www.laversilia.it/eco-idea.

Ma, come accade sempre, non bisogna andare così lontano per tuffarsi nella natura. Proprio intorno alla Lecciona e ai locali della “movida gay”, si estende la cosiddetta Macchia Lucchese, che comprende la famosa “Pineta” di Torre del Lago. La Macchia Lucchese ha una superficie di 580 etteari e vede la prevalenza di specie introdotte dall’ uomo come il pino domestico e marittimo, il leccio.

Nelle zone più umide sopravvivono lembi della vegetazione originaria con farnie e frassini.
La stessa spiaggia della Lecciona è situata nella riserva naturale ed è sottoposta a tutela perché è uno dei pochi tratti di costa sabbiosa della Toscana rimasti allo stato naturale, con le caratteristiche dune ricoperte di vegetazione pioniera che ne consente il consolidamento, opponendosi così all’erosione.

Si tratta di un ambiente dall’equilibrio estremamente precario, che può essere alterato irreversibilmente qualora non ci si accorga della sua fragilità ed importanza. Ricordiamoci alcune semplici norme di comportamento:

NON CALPESTATE LE DUNE
utilizzate i sentieri già tracciati. Ogni nuovo tracciato è infatti una ferita nell’ecosistema dunale, destinata ad allargarsi per effetto della pioggia e del vento.

NON RACCOGLIETE PIANTE E FIORI
qui la flora è protetta! Alcune piante, inoltre, sono “endemiche”, cioè crescono solo qui e in nessuna altra parte del mondo!

NON ABBANDONATE I VOSTRI RIFIUTI
ma riportateli fino agli appositi cassonetti posti nei pressi delle auto.

Una bellissima (e fresca, specie sotto il solleone) escursione di mezza giornata è invece quella dell’Antro del Corchia (www.antrocorchia.it), una grotta sotto il monte del Corchia che costituisce il più grande sistema carsico attualmente conosciuto in Italia, sviluppandosi per oltre 60 chilometri, con dislivelli dell’ordine di 1200 metri, sulle Alpi Apuane, nel comune di Stazzema. L’abbondanza di precipitazioni meteoriche e la presenza di rocce solubili hanno favorito lo svilupparsi di un sistema di condotti carsici con ambienti di rara e suggestiva bellezza, ricchi in concrezioni calcaree di svariate colorazioni.

Infine, bisogna assolutamente ricordare il bellissimo Parco delle Apuane: una gita è assolutamente da mettere in agenda, alla scoperta di una ricchissima fauna, delle suggestive cave di Marmo con cui fu fatto il David di Michelangelo, delle incredibili vette che sembrano innevate anche in piena estate, di una flora assolutamente unica e degli antri carisici (grotte) che sono state attrezzate per essere visitate dal pubblico. Info www.parcapuane.toscana.it/turismo

Trovaci online

Shopping

Si sa che lo shopping per i gay ha un fascino assolutamente irresistibile, e che per molti è una vera e propria arte.

Ecco quindi qualche idea su come sfogare il proprio desiderio di “far compere”, come si dice qui in Toscana.

Per stare in zona, la passeggiata di Viareggio offre moltissimi negozi: per chi però è un vero fashion-victim e amante del lusso consigliamo senz’altro Forte dei Marmi, dove sono presenti le boutique delle griffe d’alta moda italiane più importanti, come Prada, Versace e Dolce&Gabbana, concentrate tra piazza Garibaldi, via Roma, via Mazzini e piazza Dante.

Ma, per chi ha voglia di fare 150 chilometri, magari in una giornata di brutto tempo, la Toscana sta diventando la terra degli spacci aziendali, gli Outlet, dove è possibile trovare capi d’abbigliamento ed accessori delle marche più gettonate, con sconti fino al 60%.

Un itinerario tipico parte dalla Versilia in direzione di Firenze tramite l’autostrada da cui, dopo aver preso la direzione per Roma, si esce a Incisa. Si prende la direzione per Reggello e dopo pochi chilometri si trovano le indicazioni per l’Outlet di Dolce & Gabbana (località Santa Maria Maddalena 49, Pian dell’Isola – Incisa Val D’Arno FI, tel. 055-8331300. Orari: 9/19. Domenica, 15/19). Ritornando sulla provinciale, a pochi chilometri è d’obbligo la sosta a The Mall (Via Europa 8, loc. Leccio, Reggello, tel +39 055 8657 775), un bellissimo e nuovo outlet con negozi di Emanuel Ungaro, Ermenegildo Zegna, Fendi, Giorgio Armani, Gucci, Hogan, Salvatore Ferragamo, Tod’s, Valentino, Yves Saint Laurent. Ritornati sull’autostrada, sempre in direzione di Roma la sosta è d’obbligo prima a Terranova Bracciolini, dove c’è l’Outlet di Prada ma anche con capi di Helmut Lang, Miu Miu e Jil Sander (Località Levanella, Montevarchi AR, tel. 055-91901), e subito dopo al nuovissimo e imperdibile Outlet Village Valdichiana (www.valdichianaoutlet.it, tel. 0575 649926), all’omonima uscita dell’autostrada, con negozi tra gli altri di Asics, Basile, Benetton, Calvin Klein, Datch, Guess, Kappa, Levi’s, Massimo Rebecchi, Nike, Sysley. Per chi ha ancora la carta di credito funzionante, sulla strada di ritorno, non lontano dall’uscita di Firenze c’è l’Outlet di Roberto Cavalli (www.robertocavallioutlet.it, Via Volturno 3/3, Sesto Fiorentino, Tel. 055.317754, d’estate aperto dal lunedi al venerdi10-19, sab 10-16).

Per chi invece vuole più varietà ma concentrata in un chilometro, il centro storico di Firenze, a partire da Via dei Calzaiuoli, è assolutamente il top in fatto di shopping in questa regione, anch’esso con le griffes italiane più famose: un vero tempio per gli amanti del lusso!

Per coloro che adorano aggirarsi nei mercatini per riscoprire antichi pezzi di arredamento, abbigliamento, libri e monete, in Toscana esiste la reale possibilità di sbizzarrirsi fra i tanti appuntamenti che periodicamente si alternano per le vie e le piazze di città e paesi. A parte il mercato permanente di Viareggio, segnaliamo la mostra mercato di Arezzo, un po’ troppo lontana da Torre, ma che rimane pur sempre la migliore (prima domenica di ogni mese e il sabato precedente, partendo da Piazza Vasari), oltre a quella più vicina di Lucca, a partire da Via del Battistero, la terza domenica di ogni mese e il sabato precedente.

Chi si intende d’arte può fare due passi nella vicina Pietrasanta, dove spesso si trovano cose interessanti, a prezzi non elevati come nelle grandi città.
Qualche indirizzo? A Viareggio c’è la galleria Mercurio in corso Garibaldi 116, mentre a Pietrasanta il giro del centro storico è assolutamente d’obbligo (ottimo questo link www.asart.it).

Chi invece ama la ceramica, consigliamo una visita anche di mezza giornata a Montelupo, la città delle bellissime ceramiche. Sono gli straripamenti del fiume Arno all’origine della tradizione di Montelupo Fiorentino, cittadina compresa nella piana fra Firenze e Empoli: fu proprio l’abbondante quantità di argilla che favorì la nascita di laboratori artigianali di ceramiche. Questa tradizione dura ancora oggi, e viene conservata da un Consorzio che raggruppa parte delle imprese e da un bel Museo della Ceramica.

Trovaci online